Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Il Cantico delle Tempeste

Marco Mattiuzzi 12 Febbraio 2024

“Il Cantico delle Tempeste”: Una Ode al Mare

Benvenuti in una sezione del nostro blog dove parole e suoni si fondono per celebrare la magnificenza del mare. Siamo orgogliosi di presentarvi “Il Cantico delle Tempeste”, una ode che cattura l’essenza selvaggia e misteriosa del mare, esplorando la sua natura indomabile e la profondità dei suoi segreti.

L’ode, scritta da Marco Mattiuzzi, è un inno alla bellezza mozzafiato e alla forza brutale del mare. Attraverso versi ricchi e immaginifici, l’ode dipinge un quadro vivido delle tempeste oceaniche, delle antiche leggende marine e del profondo impatto emotivo che il mare ha sull’anima umana.

Di seguito, troverete il testo completo dell’ode, accompagnato da un file audio unico. La voce sintetica utilizzata nella registrazione aggiunge un ulteriore livello di profondità e atmosfera, trasportando l’ascoltatore direttamente nelle braccia tumultuose dell’oceano.

Invitiamo i nostri lettori ad immergersi in questa esperienza, leggendo le parole mentre ascoltano la loro eco sonora. Lasciate che “Il Cantico delle Tempeste” vi guidi in un viaggio attraverso la potenza e la poesia del mare.

O tu, mare indomabile, vasto e selvaggio,
che nei tuoi abissi celasti segreti antichi,
tua è la voce che risuona in questo viaggio,
eco di battaglie, di eroi e miti.

Onde come cavalieri in eterna carica,
vestiti d’argento sotto cieli burrascosi,
la tua furia si scontra con la terra rigida,
in un abbraccio di schiume e spruzzi furiosi.

Maestoso custode dei confini del mondo,
sulle tue spalle porti il peso delle storie,
nelle tue profondità si nasconde l’immenso fondo,
un regno dove il tempo si perde e poi muore.

Tu, che plasmi le coste con mani invisibili,
disegni sui sassi l’arte della tua essenza,
e con la tua marea, in ritmi imprescindibili,
dipingi il ciclo della vita e della sua caduca presenza.

Mare, che nei tuoi sussurri racconti l’eternità,
e nelle tue tempeste mostri la tua forza cruda,
sei tu la culla e la tomba, la verità
di ciò che nasce, vive e alla fine si muta.

Ode a te, o mare, per la tua selvaggia bellezza,
per il tuo canto che è ninnananna e anche preghiera,
nel tuo abbraccio si trova la natura nella sua purezza,
e nell’ascoltarti, si intuisce la libertà vera.

Così l’uomo al tuo cospetto si sente piccolo,
ma tu, generoso, gli insegni la grandezza,
nel tuo infinito azzurro, nel tuo perpetuo ciclo,
ci è data la saggezza, e in essa, la nostra sicurezza.

2024 – Marco Mattiuzzi



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background
error: Content is protected !!